Bioclinical s.r.l. - Laboratorio di analisi cliniche e tossicologiche
 


LE ANALISI VENGONO ESEGUITE IN SEDE
 
Area riservata ai Medici
Aggiornamento del 22.10.2017
 
IL LABORATORIO E' APERTO DAL LUNEDÌ' AL VENERDÌ' DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 17.00, chiuso dalle ore 14.30 alle ore 15.30 (orario standard, escluso ferie estive e fine anno) 

ALLERGOLOGIA (PRIST E RAST)
INTOLLERANZE AGLI ALIMENTI 
non-IgE mediate con il test IgG specifiche per 90 alimenti 
 
 
 
 
I Medici che desiderano l'invio delle analisi dei propri Pazienti via email possono contattare l'Accettazione comunicando i dati oppure 
compilando il modulo:
 
Richiesta di referto online
medico richiedente
nome e cognome del paziente
data di effettuazione delle analisi da parte del paziente
indirizzo email del medico per il recapito del referto richiesto
recapito telefonico del medico richiedente
Il medico richiedente è in possesso del consenso al ritiro del referto online
Risposte più veloci con il nostro Servizio online!

 
 
Calprotectina nelle feci!
Con un esame non invasivo è possibile differenziare....
Solo una piccola parte dei pazienti con disturbi intestinali, afferenti all'ambulatorio gastroenterologico, presenta una malattia organica!
 
Infatti la maggior parte della popolazione che si reca dal gastroenterologo (35-50%) soffre di una malattia funzionale chiamata Sindrome dell'Intestino Irritabile (IBS), che è probabilmente la causa più comune di disturbi intestinali.
 
Il clinico spesso ha difficoltà a riconoscere, con un esame semplice, una patologia organica da una patologia funzionale.
È necessario quindi poter differenziare quei pazienti con patologia funzionale e che non hanno bisogno di indagini invasive, da quelli che sono affetti da patologie organiche ed in particolare da Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI).
 
Il test di laboratorio, eseguibile su un campione di feci, consente di differenziare i pazienti con patologia organica (MICI) da quelli con patologia funzionale; inoltre permette anche di seguire il decorso della malattia nei pazienti affetti da MICI.
 
La determinazione della Calprotectina fecale ha mostrato un valore predittivo superiore a quello di comuni indici di flogosi (VES e PCR) nel distinguere le diarree di natura organica da quelle funzionali.
 
Fino ad oggi per valutare lo stato infiammatorio della mucosa intestinale era necessario ricorrere ad esami invasivi come l'endoscopia ed il conseguente esame istologico
 
Recentemente ha trovato sempre più credito l'uso di marcatori non invasivi per la determinazione della flogosi intestinale.
Tra i vari marcatori, la determinazione della concentrazione fecale delle calprotectina è senz'altro l'esame di scelta.
Il livello di calprotectina fecale infatti riflette, nelle MICI, l'attività della malattia e può essere usato per monitorare il trattamento ed individuare le ricadute, una sorta di VES dell'intestino
 
Se il suo paziente deve praticare una TAC oppure altri esami che possano richiede la determinazione delle catene leggere Kappa e Lambda, Bioclinical ne esegue la determinazione sia sulle urine che sul siero in breve tempo ed in giornata.
 
L'International Myeloma Working Group ha pubblicato nel 2009 una linea guida in cui si raccomanda la misurazione anche nel siero delle catene kappa e lambda in aiuto alla diagnosi, prognosi e monitorizzazione dei pazienti con mieloma multiplo. (CLI, vol. 36)